La Dama Bianca
The Lady in White

Le 15 grandi foto, che costituiscono la serie, sono state realizzate nei primi sei mesi del 1984. Nate dalla consapevolezza della dicotomia presenza/assenza, si incentrano sul bisogno di dare senso alla propria identitÓ, protesa verso l'assoluto. Come nelle Figure Precarie, anche in questo caso il fotografo Ŕ al tempo stesso l'oggetto posto dinanzi alla macchina in un gioco di scambi di ruolo e di incessanti richiami interiori, dove il corpo Ŕ l'unico vero assente, lacerato dalla propria indeterminatezza e dalle sue mille identitÓ. Il corpo mancante, inadeguato, malato del proprio desiderio di assoluto Ŕ il tema principale attorno al quale si muove questa mise en scene, realizzata con la tecnica dell'open flash.
The 15 big pictures, constituting the series, have been taken in the first six months of 1984. The come from the awareness of the dichotomy presence/absence, they focus on the need of giving a sense to one's identity, heading to the absolute. As in Precarious Figures, also in this case the photographer is at the same time the subject in front of the camera in a game of exchanging roles and of never ending inner calls, where the body in the only real absent, from its own indetermination and its thousands identities. The missing body, inadequate, sick of its own desire of absolute is the principal theme around which this mise en scene is moving , using the open flash technique.